Come determinare e curare i problemi causati da una cattiva postura

Chiunque ha sperimentato, almeno una volta nella vita, dolori inspiegabili dopo il lavoro. La causa più comune è, di solito, il mantenimento prolungato di una data postura, in genere non ottimale o addirittura scorretta.

Il corpo, qualsiasi attività si svolga quotidianamente, si relaziona continuamente con lo spazio e capita, il più delle volte, che si assumano posizioni sbagliate che, al momento, sembrano quelle più consone.

Gli errori più comuni sono solitamente da attribuire agli impiegati che per circa sette o otto ore stanno seduti ad una scrivania, senza muoversi o, peggio, stando immobili per molte ore assumendo una postura totalmente scorretta.

A lungo andare, le diverse posizioni che si discostano da quella “ideale” possono provocare condizioni dolorose alla colonna vertebrale .

Se non si prevengono o non si cercano di attenuare, i problemi derivanti da una cattiva postura possono portare ad un evoluzione dei sintomi, fino ad arrivare a dolori cronici e dolori irradiati ad altri distretti per il coinvolgimento del sistema nervoso.

Le cause di una cattiva postura

è bene però evidenziare anche le cause di una cattiva postura, che possono essere sia connaturate che acquisite col passare del tempo.

Le abitudini posturali sono dettate spesso da una cattiva conoscenza della corretta ergonomia del posto di lavoro. Altre volte possono essere il risultato di un tentativo (errato) di attenuare dei sintomi già esistenti alla colonna o al bacino , portando, infatti, ad assumere posizioni scorrette pur di alleviare un fastidio localizzato o per trovare comodità.

Anche le conformazioni fisiche influiscono sulla postura. Una postura sbagliata può derivare in effetti da una situazione di sovrappeso, laddove si causino tensioni a livello muscolare o della colonna, o da problemi ai piedi, come ad esempio l’alluce valgo che modifica l’equilibrio del corpo e, proporzionalmente, la postura.

Inoltre, anche un’attività fisica prolungata o lavori faticosi alterano il meccanismo di equilibrio del corpo e sollecitano un posizionamento innaturale della colonna, provocando dolori e rigidità. Far lavorare muscoli e articolazioni eccessivamente nel modo errato può essere una delle cause di dolore cronico o ricorrente.

Allo stesso modo, una vita sedentaria è sicuramente una causa importante di dolore lombare e cervicale. Infatti, Stare molte ore nella stessa posizione può causare tensione al corpo che, per rilassarsi, adotterà posizioni sempre più contorte e inadatte.

Quale posizione è bene adottare?

La cattiva postura porta quindi a dolori più o meno cronici, soprattutto nel caso della sedentarietà nelle ore lavorative, che possono essere alleviati semplicemente facendo attenzione a delle piccole ma fondamentali accortezze.

Prima di tutto, è indispensabile che la posizione della seduta e del piano di lavoro siano adeguati, così da ridurre l’impatto muscolo-scheletrico e i fastidi ad esso correlati. Per questo motivo, è bene che l’altezza del piano di lavoro permetta di appoggiare gli avambracci senza dover inclinare la schiena.

In secondo luogo, poter poggiare completamente entrambi i piedi per terra permette a tutta la parte lombare di adagiarsi sulla sedia senza alcuna tensione. Le gambe, in effetti, non andrebbero accavallate poiché spostano il peso del bacino in maniera asimmetrica.

Schiena e fianchi dovrebbero poggiare bene sullo schienale, così da non gravare sulla colonna.

Nonostante la sedentarietà di molti impieghi, sarebbe poi meglio muoversi spesso, il che significa sia fare un po’ di stretching da seduti, sia alzarsi per un paio di minuti ogni ora per prendersi cura della propria colonna vertebrale.

Ecco come curare o alleviare i dolori dati da una postura sbagliata

La maggior parte delle volte, assumere a lungo una posizione corretta è complicato, ma in fin dei conti è necessario. Anche se si svolgono lavori faticosi o, al contrario, molto statici, è di vitale importanza ascoltare il proprio corpo, e non affaticarlo troppo. Muoversi e riposare ad intermittenza porterà ad una tranquillità mentale, libera da tensioni psico-fisiche, ma anche e soprattutto a un equilibrio posturale.

Che sia in seguito a sforzi o carichi eccessivi, o poiché si conduce una vita poco dinamica dove si resta seduti ad una scrivania per molto tempo, una cattiva postura porta a problematiche serie sia a breve che a lungo termine. Ecco perché è necessario prevenirne e curarne i fastidi.

Certo, questi accorgimenti possono aiutare ad assumere una posizione corretta, ma le cattive abitudini si ripresentano. Occorre quindi rivolgersi agli esperti per un trattamento di fisioterapia rieducativa e riabilitativa.

Una fisioterapia efficace, però, necessita di figure specializzate per offrire al paziente un approccio mirato per i suoi disturbi e i suoi obiettivi.

Anche tu accusi problemi alla schiena e al collo? Hai dubbi sulla tua postura? Allora prenota una visita presso il nostro poliambulatorio di fisioterapia.

In questo video trovi 3 esercizi molto semplici che ti aiuteranno in caso di mal di collo:

Noi di Fisiosan ti aiuteremo a trovare il trattamento più adatto per i tuoi fastidi, definendo un programma su misura per te.

Clicca qui per contattarci e fissare un appuntamento, senza alcun impegno.