Spondilolisi e spondilolistesi

Spondilolisi e spondilolistesi sono due patologie della schiena abbastanza gravi che possono manifestarsi in soggetti predisposti geneticamente soprattutto a causa di sport molto pesanti. I termini, spondilo, lisi e olistesi  derivano del greco e significano rispettivamente vertebra, rottura e scivolamento.  Chiamiamo spondilolisi, infatti, un’ interruzione nell’arco vertebrale e spondilolistesi uno scivolamento in avanti del corpo vertebrale rispetto al segmento sottostante e quindi un disallineamento della colonna.

La causa principale è una lisi dell’istmo, quindi una frattura in una porzione posteriore della colonna formata da tessuto fibroso e non osseo che, sebbene non abbia come funzione principale il sostegno, serve a limitare il movimento della colonna vertebrale. Fratturandosi ovviamente consente uno scivolamento che può essere anche molto esteso.

I sintomi sono di varia entità, in quanto la spondilolistesi può essere asintomatica o manifestare un dolore sordo, più o meno acuto nella zona della lesione. Altri sintomi che possono annunciare questa frattura sono un dolore diffuso lungo la colonna vertebrale fino alle cosce, tensione dei muscoli posteriori, parestesie, debolezza muscolare.

Gli sport più rischiosi per la formazione di questa patologia sono gli sport di combattimento, tuffi, nuoto sincronizzato, vela, ginnastica, atletica e sollevamento pesi, mentre  la spondilolistesi è meno frequente nei soggetti che praticano scherma, bici, pattinaggio, pallavolo, tennis e nuoto.

Per quanto riguarda il trattamento, questo differisce a seconda che il disturbo risulti stabilizzato o meno. Le spondilolisi o spondilolistesi stabilizzate sono quelle che nel giro di due anni non subiscono peggioramenti. In questo caso spesso è possibile continuare l’attività fisica di sport non a rischio anche se con cautela.

Spesso infatti è più comune che siano le persone sedentarie ad essere o diventare“instabili” rispetto agli sportivi, in quanto la stabilità del tratto leso, in assenza dei vincoli ossei, è determinata anche dalla situazione della muscolatura paravertebrale.

Tra spondilolistesi a rapida evoluzione è consigliata la sospensione totale dell’attività fisica in quanto risulta possibile stabilizzare la situazione solo con un trattamento fisioterapico specifico o in casi più gravi l’intervento chirurgico. Se è a lenta evoluzione, invece, saranno sufficienti dei trattamenti conservativi e riabilitativi con l’obiettivo di rinforzare e migliorare il coordinamento della muscolatura che stabilizza la colonna.

Per prevenire queste patologie si consiglia, inoltre, una revisione dei programmi di allenamento, le attrezzature e la scelta degli esercizi e la loro metodologia d’ esecuzione.